Una dieta elementare consiste di formule nutrizionalmente complete in una forma “pre-digerita”. Queste formule si presentano in forma liquida o in polvere, da miscelare con l’acqua e da consumare.

Le formule elementari contengono proteine, grassi e carboidrati che sono già stati scomposti nei loro elementi costitutivi – aminoacidi, acidi grassi e zuccheri. Contengono anche vitamine e minerali.

Poiché i nutrienti in questa forma sono facilmente assimilabili, una dieta elementare permette al tratto digestivo di riposare senza compromettere l’apporto nutrizionale.

La maggior parte delle formule elementari contengono più carboidrati e proteine dei grassi, poiché i grassi possono essere difficili da digerire (1).

Una dieta elementare è spesso prescritta a persone che hanno gravi problemi digestivi. È stato dimostrato che aiuta a gestire i sintomi legati alle seguenti malattie (2Trusted Source, 3Trusted Source, 4Trusted Source):

Alcune persone possono essere attratte da una dieta elementare per aiutarli a perdere peso, ma non è destinato a questo scopo.

Come funziona una dieta elementare
Coloro che seguono una dieta elementare in genere consumano solo formule elementari e nessun alimento solido. L’acqua e il tè semplice sono di solito gli unici altri liquidi consentiti.

Le formule elementari sono disponibili in forma liquida o in polvere e possono essere somministrate attraverso un tubo di alimentazione o una terapia endovenosa, oppure miscelate con acqua e consumate come bevanda.

Gli operatori sanitari spesso raccomandano di bere le formule elementari ad un ritmo lento per prevenire crampi e disturbi di stomaco.

Diverse formule elementari preparate commercialmente sono progettate per fornire calorie adeguate e tutti i nutrienti necessari. Sono disponibili come prodotti da banco o su prescrizione medica (1).

Una dieta elementare è quasi sempre supervisionata da un medico dietista e medico registrato che raccomanda il tipo e la quantità di formula in base al fabbisogno calorico e nutrizionale di ogni persona.

Nella maggior parte dei casi, una persona riceve tutta la sua alimentazione da formule elementari, ma alcune persone possono ottenere solo una parte del loro fabbisogno giornaliero da formule e il resto da alimenti solidi. Questi casi sono indicati come diete semi-elementali o semi-elementali (5Trusted Source).

Alcune persone, come quelle che hanno avuto parte del loro intestino rimosso, seguono una dieta elementare a tempo indeterminato, mentre altre si affidano solo a formule elementari fino a quando i loro sintomi migliorano.

Una dieta elementare non è tipicamente raccomandata per la perdita di peso, ma potrebbe teoricamente essere utilizzata per questo scopo.

Può aiutare a perdere peso?
Alcuni aspetti di una dieta elementare possono aiutare la perdita di peso, ma non ci sono ricerche scientifiche su questo argomento specifico.

Studi in persone con condizioni trattate con una dieta elementare hanno dimostrato che può portare ad una significativa perdita di peso. Tuttavia, questo non è considerato un risultato benefico o previsto della dieta (6Trusted Source).

Poiché una dieta elementare consiste tipicamente di formule nutrizionalmente complete e nessun altro alimento, è facile da seguire e non richiede alcuna preparazione dei pasti.

Teoricamente, si potrebbero bere formule elementari ed evitare tutti gli alimenti solidi e soddisfare il proprio fabbisogno nutrizionale.

I pacchetti di formule elementari monodose sono disponibili nella maggior parte delle farmacie e consentono di controllare facilmente l’apporto calorico.

Tuttavia, seguire una dieta elementare non è consigliabile senza la supervisione di un medico o di un operatore sanitario qualificato.

Nel complesso, le formule elementari sono in genere progettate per coloro che hanno condizioni mediche specifiche. Pertanto, non sono adatte per la perdita di peso.

Altri benefici di una dieta elementare
Gli studi dimostrano che le diete elementari possono aiutare a gestire i sintomi di malattie infiammatorie e le condizioni che colpiscono il tratto digestivo.

Questo perché i macronutrienti – proteine, grassi e carboidrati – nelle formule elementari sono già scomposti, il che consente un rapido assorbimento da parte dell’intestino tenue. A sua volta, l’intestino può riposare.

Diete elementari sono stati utilizzati per decenni nel trattamento della malattia di Crohn, una condizione che causa l’infiammazione cronica del tratto digestivo, mal di stomaco, malassorbimento, e diversi altri problemi (2Trusted Source, 7Trusted Source, 8Trusted Source).

Essi aiutano anche a trattare l’esofagite eosinofila (EoE), che deriva da danni al rivestimento dell’esofago e porta a difficoltà di deglutizione, dolore e bruciore di stomaco (3Trusted Source, 9Trusted Source).

Uno studio su 21 adulti con EoE ha rilevato che l’88% dei partecipanti non presentava più sintomi della condizione dopo 4 settimane di dieta elementare. La dieta ha anche portato ad una significativa diminuzione dell’infiammazione (9Trusted Source).

Inoltre, le diete elementari possono aiutare a trattare la crescita batterica del piccolo intestino (SIBO), che è caratterizzato da gonfiore, gas e mal di stomaco (10Trusted Source).

Poiché i nutrienti forniti da una dieta elementare sono rapidamente assorbiti, potrebbero non essere disponibili abbastanza a lungo per nutrire i batteri intestinali, muoiono di fame e prevengono la crescita eccessiva (4Trusted Source).